come ottenere un indirizzo email

Avere un proprio indirizzo email può essere importante, soprattutto se lo si utilizza in modo corretto e consapevole, ma è giusto che i tuoi genitori siano d’accordo perciò condividi con loro questa piccola guida e se non hanno nulla in contrario chiedi loro di aiutarti e potrai anche tu avere un tuo indirizzo email da utilizzare per inviare, conservare o condividere i lavori che stiamo realizzando a scuola con Word, Paint, Excel Power Point…

Se segui le semplicissime indicazioni che sto per darti, scoprirai che la procedura per creare un indirizzo email non solo è gratuita al 100% ma è anche facilissima da portare a termine. Sì, anche per te che sei alle primissime armi con il mondo dell’informatica. Pronto a metterti all’opera?

Leggi tutto “come ottenere un indirizzo email”

Come realizzare un cartellone o una presentazione per una ricerca scolastica

La realizzazione di un cartellone, di un poster o di un pannello per l’esposizione di una ricerca scolastica è un’occasione di lavoro sempre molto stimolante e divertente… ma anche un po’ caotica se non perfettamente organizzata; spesso infatti il lavoro viene condotto in gruppo e non è sempre semplice collaborare in maniera equa e proficua.

Vediamo come è possibile organizzare il lavoro al meglio, in modo da ottenere un risultato piacevole per noi (ed i nostri insegnanti…), senza troppa fatica!

MATERIALE OCCORRENTE

      • cartoncino tipo Bristol di dimensioni 70 x 100 cm (oppure 70 x 50 cm)
      • colla stick
      • forbici
      • carta da fotocopie
      • matite
      • colori (pastelli o pennarelli)

Per prima cosa è necessario disegnare una griglia per assegnare uno spazio ben preciso ad ogni elemento (il titolo, la ricerca storica, l’inquadramento geografico, le immagini, e così via…); il testo dovrà essere abbastanza breve, funzionale alle immagini, e scritto in caratteri chiari, ordinati e abbastanza grandi da essere leggibili anche a una certa distanza.

PROGETTIAMO IL NOSTRO LAVORO: IL LAYOUT

layout cartellone

Per prima cosa è necessario fare il LAYOUT, cioè un piccolo “progetto” del nostro cartellone su un foglio formato A4 (la comune carta per fotocopie, oppure un foglio di quadernone); è molto importante a questo punto disegnare una griglia per assegnare uno spazio ben preciso ad ogni elemento (il titolo, la ricerca storica, l’inquadramento geografico, le immagini, e così via…), proprio come puoi vedere nella foto qui sopra.

Il LAYOUT è il lavoro che fanno ogni giorno le redazioni dei quotidiani per impaginare i giornali, le riviste, ecc… e deve tenere conto dello spazio occupato dagli articoli, dai titoli e dalle immagini.

Ora dobbiamo trasferire il layout dal foglio A4 al cartellone; bisognerà fare molta attenzione a cercare di rispettare le giuste proporzioni… non è difficile no?

Prima di operare sul cartellone un paio di suggerimenti:

  • scegliete un cartellone colorato invece di uno bianco;
  • stampate il titolo con il computer usando il font (cioè un carattere di stampa) che preferite, e poi sovrapponendo un foglio A4 alla finestra ricalcatene con cura i bordi con un pennnarello;come-ricalcare-e-ingrandire-modelli-e-disegni_1b0fc2a66048aef7a7073a2a22bc96c5
  • colorate l’interno delle lettere (magari usando un colore diverso per ogni lettera)
  • ritagliate il titolo lasciando un bordo bianco di un centimetro tutto intorno alle lettere (questo servirà a dare più risalto al titolo rispetto al fondo colorato)
  • a questo punto ad ogni componente del gruppo può essere assegnato un compito diverso; per esempio ognuno può curare la stesura di un articolo o di un argomento specifico (nel layout sopra rappresentati dai rettangoli “argomento 1”, “argomento 2”, etc.) , oppure la realizzazione dell’illustrazione principale;
  • per la stesura degli articoli si possono utilizzare fogli bianchi opportunamente ritagliati a misura, sui quali, dopo aver tracciato sottili linee orizzontali a matita, scriverete con cura ed ordine il titolo ed il testo dell’articolo;
  • per l’illustrazione principale possiamo aiutarci con un disegno preso dal libro o stampato con il computer (magari ingrandito fino ad ottenere la dimensione voluta), per poi ricalcarlo con la tecnica già descritta sopra; una volta colorata ritagliamo la nostra illustrazione avendo cura di lasciare un bel bordo bianco anche qui, in modo da farla risaltare rispetto allo sfondo colorato!
  • incolliamo il tutto sul nostro cartellone… il risultato potrebbe essere simile a questo esempio:

layout cartellone 2

 

 

COME FARE UNA PRESENTAZIONE CON IL COMPUTER

  • Sarà molto importante curare molto la parte delle immagini. Nella scuola che facciamo tutti i giorni ci sono troppe parole e troppo poche immagini. Questo approccio non è quello giusto, specialmente nella nostra materia! Tentiamo di ribaltare le cose almeno in questa occasione: cercate, trovate, mostrate immagini! Tante, chiare, esplicative, di buona qualità. In fondo all’articolo potete trovare diversi link a cui attingere per scaricare gratuitamente qualsiasi tipo di immagine.                   
  • Niente animazioni, niente effetti di scritte ballerine, niente passaggi spettacolari tra le diapositive, e niente suoni: tutti questi effetti speciali distraggono, appesantiscono, e quel che più conta, si perdono completamente nel processo di condivisione online dei vostri lavoro. Mantenete la grafica più chiara e semplice possibile!
  • Evitate di riempire di testo le diapositive. Suddividete il testo in più diapositive. In ogni diapositiva ci dev’essere un solo paragrafo, possibilmente breve, e scritto con caratteri grandi (mai più piccoli di 24, indicativamente).
  • In ogni diapositiva, a meno che non sia strettamente necessario, non mettete più di una o due immagini (grandi! non sgranate, non “pixelate”, non sfocate! di buona qualità, insomma!).
  • Se dovete illustrare un argomento un po’complesso puoi organizzare i concetti con una mappa concettuale, uno schema o un  diagramma, proprio come faccio io nelle mie lezioni

mappa-materiali-01

  • Non preoccupatevi se alla fine la vostra presentazione risulterà composta da un numero di diapositive che vi sembra elevato. Venti diapositive chiare e ben fatte, infatti, “scorrono via” più rapide e piacevoli che cinque o sei diapositive cariche di testo fitto fitto e di immagini piccole e confuse.
  • Se non avete Power Point potete utilizzare LibreOffice, o OpenOffice oppure Google Docs (sono tutti software totalmente gratuiti)
  • Una volta finita la presentazione potete inviarmela per email all’indirizzo “prof.torella(chiocciola)gmail.com”  (fai come me, non scrivere mai la tua mail per esteso sul web… ci sono software in grado di leggerla automaticamente ed inviare tanta spam, cioè posta indesiderata…!)
  • Sia che realizziate una presentazione o un poster, non dimenticate di elencare, alla fine del vostro lavoro, tutte le fonti utilizzate: insomma una bibliografia e/o sitografia ben fatta.

Link utili per ottenere immagini professionali e amatoriali:

 

Immagini naturalistiche:

Immagini di arte:


Progetti speciali:


Sfondi per il desktop (adatti anche per slides):


Concorso scolastico di tecnologia “La Squadra nella Roccia

Al via dal prossimo 13 Aprile (data in cui verrà pubblicato sul sito www.icfrezzotticorradini.gov.it il calendario definitivo, il regolamento ed i criteri di valutazione) il concorso scolastico di tecnologia denominato “La Squadra nella Roccia” aperto a tutti i miei alunni delle tre classi. Il concorso nasce con l’obiettivo di valorizzare e promuovere le nostre eccellenze, realizzando prodotti editoriali, modelli dinamici, progetti, etc., a coronamento di un anno di lavoro sui temi della tecnologia, dell’energia, dei settori produttivi e dei materiali, dell’educazione alimentare, dell’informatica e del disegno tecnico.

La partecipazione può essere individuale e/o cooperativa ed è del tutto libera e volontaria.

I lavori dovranno pervenire entro il 15 Maggio 2015. I progetti ritenuti più meritevoli da una giuria formata dai docenti del nostro istituto e dal D.S., saranno premiati in occasione dell’esposizione nella data (ancora provvisoria) del 29 maggio.

la squadra nella roccia

Di seguito voglio proporre, solo a titolo di esempio, alcuni link relativi a qualche interessante progetto trovato sul web, già sviluppato da altri studenti.

…questi sono solo alcuni esempi trovati in rete o sui libri di testo. Date libero sfogo alla creatività ed alla vostra voglia di fare!

Buon lavoro!

Prof.Torella

Come realizzare il modellino della nostra classe

Vogliamo costruire un plastico della nostra aula… da dove cominciamo?

Per prima cosa dobbiamo rilevare le misure della stanza. Disegnamo una bozza della pianta della stanza cercando di rispettare le sue proporzioni generali. Inseriamo le finestre, la porta, gli arredi principali. Poi cominciamo ad annotare le misure rilevate sul nostro disegno. Ci servirà quindi una fettuccia metrica oppure un metro a rotella come questi:

    

Una volta rilevate le misure e riportate sulla nostra bozza, possiamo procedere a costruire un modellino di cartoncino in tre dimensioni delle giuste misure (tieni presente che le misure riportate nelle immagini che seguono sono solo un esempio: tu dovrai sostituirle con quelle reali della tua classe!).

Per fare questo ci servirà il seguente materiale:

Leggi tutto “Come realizzare il modellino della nostra classe”

Come costruire un visore per eclissi solare

Come costruire una scatola per vedere l’eclissi in sicurezza!

Non guardate l’eclissi con gli occhiali da sole, è pericoloso! Per godersi bene il fenomeno dell’eclissi solare ci sono vari metodi. In questa guida presentiamo le istruzioni per costruire un particolare visore (o proiettore) per eclissi.

Materiale utile:

  • scatola di scarpe;
  • pennello;
  • vernice nera;
  • foglio di carta velina;
  • nastro adesivo;
  • foglio di alluminio;
  • forbici;
  • righello;
  • stuzzicadenti.

Il procedimento da seguire è semplice:

  • dipingere con la vernice nera tutto l’interno di una scatola di scarpe (dentro il visore non ci devono essere riflessi di alcun tipo);
  • tagliare una delle pareti più piccole della scatola, creando un rettangolo e lasciando unbordo di circa 2,5 cm su ogni lato;
  • sull’altra parete più piccola invece fare un foro a forma di cerchio del diametro di 2,5 cm;
  • sulla parete col grosso buco rettangolare applicare la carta velina fissandola sui bordi della scatola con del nastro adesivo;
  • il foro tondo invece va coperto con un pezzo di foglio di alluminio (o carta stagnola);
  • il foglio di alluminio deve essere ben disteso. Con uno stuzzicadenti fare un forellino al suo centro;
  • chiudere la scatola di scarpe col suo coperchio (anche l’interno del coperchio deve essere pitturato di nero).

Il visore per eclissi ora è pronto. Nel momento in cui avviene questo fenomeno planetario indirizzare la scatola, dalla parte del forellino creato con lo stuzzicadenti, verso il sole. Sulla carta velina verrà proiettata l’immagine del Sole coi rispettivi cambiamenti durante l’eclisse. Un esperimento, quello descritto, utile e al tempo stesso divertente. Ottimo da creare insieme ai più piccoli.

Costruire scatola eclissi, img. 1

download

Costruire scatola eclissi, img. 2

SolarEclipseSafetyCanali

I lavori degli studenti

DSCN0389DSCN0391DSCN0384 DSCN0396 DSCN0399 DSCN0401 DSCN0406 DSCN0377  DSCN0380 DSCN0381 20150416_12565520150416_12552220150416_12522220150416_124959

20150416_125340

I modellini tridimensionali dell’aula realizzati dai ragazzi della 2B di Borgo Faiti e (qui) il video che mostra il funzionamento del bellissimo impianto di illuminazione in miniatura realizzato da Roberto F.

Leggi tutto “I lavori degli studenti”

Lezioni per le classi Terze

Qui di seguito i link per accedere alle lezioni multimediali presentate nelle classi terze:

mappa energia 01

Lezioni per le classi Seconde

Qui di seguito i link per accedere alle lezioni multimediali presentate nelle classi seconde:

mappa alimentazione 01

Lezioni per le classi Prime

Qui di seguito i link per accedere alle lezioni multimediali presentate nelle classi prime:

mappa materiali 01

Lezione LIM: il Turbogetto

Una lezione multimediale sul più semplice dei motori a reazione: il TURBOGETTO

yyyyyy

 Per visualizzare la lezione fai clic sul link: Lezione Turbogetto